L’Olanda, terra dei mulini a vento, come quelli di Kinderdijk. Patrimonio dell’UNESCO, questo sito ospita ben 19 mulini del XVIII sec. ancora funzionanti e ben conservati.

mulini di Kinderdijk
Vista la bella giornata assolata, decido di visitarlo nel modo più tradizionale in Olanda, con la bicicletta. Affitto la bici in uno dei ristoranti lungo la via principale del paesino di Kinderdijk. Le bici non sono proprio in perfette condizioni, ma l’entusiasmo di potermi muovere in Olanda in bicicletta mi elettrizza. Scopro divertita che è possibile frenare non solo con i classici freni sul manubrio, ma anche facendo una leggera forza sui pedali, come se volessi pedalare all’indietro.

mulini di Kinderdijk
Inizio a percorrere la lunga pista ciclabile che corre accanto il canale. I mulini di Kinderdijk sono disposti in due file parallele lungo di esso.

mulini di Kinderdijk

mulini di Kinderdijk

Il tragitto è in pianura ed è talmente piacevole che non mi accorgo di quanto mi stia allontanando dall’ingresso del sito.

mulini di Kinderdijk

Ad un tratto i mulini lasciano il posto ad immensi campi arati della campagna olandese.

mulini di Kinderdijk
Dei ponti attraversano il canale conducendo ad altre piste ciclabili, in direzione di piccoli agglomerati di case. Mi viene naturale pensare che, se abitassi qui, mi scorderei dell’auto.

mulini di Kinderdijk
Non lascio mai la pista principale e proseguo sempre dritta. Più mi allontano e più i turisti diminuiscono fino a lasciami libera la pista.
Il silenzio regna sovrano e si sentono solo i versi delle papere nell’acqua o che passeggiano lungo le rive del canale.
Lungo la pista ci non dei tavoli da pic-nic all’ombra degli alberi per riposarsi.

mulini di Kinderdijk
Ogni tanto mi fermo a scattare foto e non vorrei tornare indietro. Solo a casa, rivedendo il percorso, mi rendo conto di essermi allontanata dall’ingresso del sito per 7 chilometri.
Il caldo e il sole non si avvertono, dato il piacevole vento, e la sera purtroppo ne farò le spese..
Ad un certo punto decido di tornare indietro. Ci sono i due mulini di Kinderdijk da visitare.
Arrivo al primo mulino visitabile, il Museo di Bolkweer, che è anche il più lontano dall’ingresso del sito.

mulini di Kinderdijk

I mulini di Kinderdijk sono stati realizzati per permettere di gestire il dislivello delle acque nei diversi canali. Impedire l’inondazione dei campi è vitale. Un detto popolare dice: ”Dio creò la Terra, gli olandesi l’Olanda”.

mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk

Parcheggio la mia bici nelle aree apposite e vado alla scoperta di questo grande mulino. All’interno del mulino trovo un caratteristico mobilio e tutto è stato ricostruito per rendere l’idea di come vivevano i mugnai.

mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk
Fuori il mulino c’è una piccola fattoria, con piccole e graziose costruzioni che servivano per gli attrezzi e gli animali.

mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk
Mia figlia Denise accarezza una delle due capre nel recinto che sembra gradire.

mulini di Kinderdijk

Un imponente meccanismo manuale collocato all’esterno del mulino permette di far girare le pale esterne attorno al mulino, per direzionarle in maniera favorevole verso il vento.

mulini di Kinderdijk
Risalgo in sella alla bici per andare a visitare il secondo mulino, il Museo Nederwaard.

mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk

Le grandi pale ruotano con grande potenza e sembrano venirmi addosso. E potrebbero, se non fosse che l’area in cui toccano quasi per terra è stata recintata. In effetti fa impressione trovarsi proprio sotto di esse. Sono coperte da un telo plastificato per essere spinte dal vento, che viene rimosso velocemente dall’operatore se volesse fermarle.
Guarda il video che ho realizzato proprio sotto le pale del mulino.

Anche all’interno di questo grande mulino sono stati conservati i graziosi mobili ed accessori interni.

mulini di Kinderdijk
In questo mulino si dà la possibilità di accedere ai piani superiori attraverso delle ripide scale in legno. Salirvi è facile, scendere un po’ meno.

mulini di Kinderdijk
Al centro del mulino è collocata la maestosa trave in legno che gira su sé stessa, azionata dalla rotazione delle pale esterne.

mulini di Kinderdijk

L’ultima visita è al centro visitatori, che forse avrei dovuto visitare per primo. Ospita un negozio di gadget e una sala in cui viene proiettato un breve film su più schermi, che spiega la storia dei mulini di Kinderdijk (in olandese sottotitolato in inglese).

mulini di Kinderdijk

Risalgo sulla bici e torno al ristorante dove l’avevo affittata.
Abbastanza affamata e per chiudere in bellezza la meravigliosa gita, pranzo con un piatto leggero ed estivo, come delle succulente costine di maiale.

Consigli per la visita ai mulini di Kinderdijk

I mulini di Kinderdijk si trovano a circa 100 Km da Amsterdam. Da Amsterdam raggiungi Utrecht col treno dalla Stazione Centrale Quindi poi con il bus che parte dalla Stazione di Utrecht.
Consulta il sito ufficiale per conoscere il bus che collega Utrecht a Kinderdijk.
Da Rotterdam dista solo 25 Km ed è raggiungibile in 30 minuti anche con una barca veloce, la Waterbus.

mulini di Kinderdijk

Questa salpa dalla stazione a circa 150 mt dal ponte Erasmus. La linea n.202 ti porta direttamente alla stazione d’arrivo, Molenkade, che si trova proprio di fronte l’ingresso del sito di Kinderdijk. Il biglietto è acquistabile nelle biglietterie automatiche presso la stazione di Rotterdam, Erasmusbrug.

mulini di Kinderdijk
mulini di Kinderdijk
Se giungi con l’auto, è disponibile un piccolo parcheggio a pagamento (€ 5), i cui posti però terminano facilmente.

mulini di Kinderdijk

Puoi comunque parcheggiare gratuitamente lungo la strada principale del paese di Kinderdijk o nelle vie adiacenti.

mulini di Kinderdijk
Da Bruxelles Kinderdijk dista 150 Km ed è facilmente raggiungibile in autostrada.
Il sito è aperto tutti i giorni, ma consulta la pagina ufficiale per conoscere gli orari aggiornati.
Puoi visitare i mulini d Kinderdijk a piedi, lungo i percorsi pedonali, con la bici, sui percorsi ciclabili, o attraverso i piccoli battelli turistici che percorrono il canale.
L’accesso al sito è gratuito, ma puoi acquistare all’ingresso dei biglietti cumulativi che prevedono la visita ai due mulini-museo e film, con o senza gita sul battello turistico. Con questi, oltre a risparmiare, eviterai di fare ulteriori file.

mulini di Kinderdijk
Se acquisti il biglietto online, che prevede i due mulini con film, puoi risparmiare € 1,50 a biglietto.
L’affitto della bici, nel ristorante dove poi ho pranzato, costa € 7 per tutto il giorno. Altre bici sono in affitto anche nel negozio di souvenir davanti l’ingresso.

mulini di Kinderdijk
Ti consiglio di non arrivare troppo tardi sia per il posto auto sia per la disponibilità e la scelta delle bici.

Se trovi interessante la visita di questa parte dei Paesi Bassi, leggi anche il mio racconto di viaggio di Rotterdam.

mulini di Kinderdijk

Se il mio racconto di viaggio ti è piaciuto e hai trovato i miei consigli utili, aiutatami a far crescere il Blog de La Valigia in Tasca seguendomi su Facebook e Twitter.
Farò del mio meglio per scrivere articoli sempre interessanti, con foto e video, che potranno divertirti e fornirti informazioni utili per i tuoi prossimi viaggi.

2 thoughts on “MULINI DI KINDERDIJK – Pedalando in bicicletta nella campagna olandese

    1. Kinderdijk e altri luoghi in Olanda meritano di essere visitati. Tra poco pubblicherò il racconto anche sull’incantevole Gieethorn. Ti ringrazio per aver apprezzato i miei articoli. Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *